Comunicati stampa

L'intervento del prof. Ariel Lewin per la Giornata della memoria

Potenza, 27 gennaio 2020 - teatro Stabile, ore 10 - Giornata della Memoria

Il 27 gennaio a Potenza (ore 10, teatro Stabile), si celebrerà il Giorno della Memoria: la Prefettura di Potenza, con l'Università della Basilicata, l'arcidiocesi di Potenza-Muro Lucano e l'Ufficio scolastico regionale, ha organizzato un evento sulla Shoa, durante il quale interverrà il docente di Storia Romana nell'Unibas, Ariel Samuel Lewin, su "La Shoah, gli stermini e il senso della vita".

"Il giorno della memoria costituisce un momento di riflessione concepito per ricordare e cercare di comprendere in pieno un evento della storia umana di portata spaventosa, ai confini dell’immaginabile. La data scelta simbolicamente è quella del 27 gennaio, in ricordo del giorno del 1945 in cui l’Armata rossa liberò il campo di sterminio di Auschwitz. L’apertura dei cancelli di questo luogo mostrò al mondo intero non solo i testimoni della tragedia, ma anche gli strumenti di tortura e di annientamento utilizzati in quel lager nazista. In seguito, fu scoperta tutta una serie di altri campi di sterminio costruiti dai nazisti per perpetrare un disegno ai confini dell’inimmaginabile. L’implacabile volontà da parte dei nazisti di perseguire la soluzione finale nei confronti degli Ebrei rimane per molti versi un fenomeno unico nella storia, anche se questa per la verità ha visto il susseguirsi di massacri, genocidi, torture.  Sei milioni di Ebrei furono uccisi nella Shoah, i sopravvissuti ai lager continuarono a portare dentro di sé il dramma di quell’esperienza che segnò per sempre la loro vita. Nella giornata della memoria il bisogno di ricordare che cosa è stata la Shoah è dettato innanzitutto da un rispetto per le vittime di quell’evento. Ma non solo: necessariamente, l’umanità si interroga angosciata sul perché, sul problema del male nel mondo, sul senso stesso della vita e sull’esistenza di Dio.  Quale futuro avremo?"   (Prof. Ariel Samuel Lewin)

 

Documenti