Comunicati stampa

Webinar "Andres garPolis - Partecipazione civica e produzione nelle città greche d’Occidente"

9 febbraio ore: 9.30-18.40 - 10 febbraio ore: 10-19.20

“Poiché gli uomini sono la Città, non le mura né le navi vuote d’uomini”. E’ da questo celeberrimo passo di Tucidide (VII.77.7), al quale si potrebbe idealmente accostare l’altrettanto significativo brano di Alceo: “sono infatti gli uomini il bastione possente della Città” (fr. 112 L-P, 10) che muove l’idea di questo Convegno focalizzato sulle città greche d’Occidente. Il Webinarinternazionalesi incentra sui temi della partecipazione civica e della produzione nelle città greche, con una particolare attenzione per le poleis d’Occidente. Nello specifico, l’incontro mira a raccogliere nuovi dati e riflessioni su quegli aspetti della vita delle città in relazione alla partecipazione civica e alla produzione: dalla politica alle specificità culturali, dalle espressioni cultuali all’ampia e variegata sfera produttiva, artigianale ed economica. Numerosi partecipanti al Webinar, sia italiani che stranieri, afferiscono al Comitato scientifico della rivista Hesperìa fondata da Lorenzo Braccesi ed ora diretta da Maria Chiara Monaco ed Alessandra Coppola.

Maria Chiara Monaco (Professore di archeologia classica, Dipartimento di Scienze Umane DISU-UNIBAS): “Partire dalla celeberrima asserzione di Tucidide (“Poiché gli uomini sono la Città, non le mura né le navi vuote d’uomini”) che dà il titolo al Webinar, significa ripensare alle antiche realtà urbane mettendo al centro gli uomini e le loro attività. L’assunto, tanto semplice da apparire quasi scontato o banale, in realtà non lo è affatto. Il tema si incardina infatti entro quel fondamentale e fragile nesso comunità/spazio/monumenti che, anche a causa di troppo rigidi steccati disciplinari, risulta troppo spesso sfiorato solo marginalmente dagli studi. Talora, specialmente tra gli archeologi, la considerazione va esclusivamente allo spazio ed ai monumenti descritti e studiati sì, ma non intesi come espressione di una vivida comunità civica; talaltra, al contrario, specialmente tra gli storici, l’attenzione è puntata solo sulla comunità politica, nella sua astrazione istituzionale avulsa dalla materialità spaziale e monumentale. Il senso del Webinarè quindi quello di provare ad andare oltre, di ripensare e ricostruire le poleis antiche partendo dagli uomini e dalle loro attività, con una particolare attenzione per gli aspetti partecipativi e produttivi".

Documenti