Comunicati stampa

Terza sessione del convegno nazionale “A Settant’anni da L’uomo e lo Stato di Jacques Maritain”

Potenza, 19 novembre 2021, ore 15.30, Aula Magna del DiSU (Via Nazario Sauro)

Settant’anni fa, Jacques Maritain pubblicava L’uomo e lo Stato. L’opera, considerata il capolavoro sistematico più noto del filosofo francese, è uno dei libri politici più importanti scritti nel ‘900 e una delle maggiori espressioni della scuola democratica che ha ispirato la formulazione di alcune Carte costituzionali e della Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1948 e ha formato eminenti personalità politiche come De Gasperi, Moro, La Pira, Frey, Schumann. Riflettere oggi sugli esiti della ventennale ricerca condotta da Maritain intorno ai temi della politica significa ripercorre gli sviluppi di un pensiero che lega lo Stato alla tutela del bene comune e definisce l’azione politica e civica come il servizio alla solidarietà in un contesto democratico in cui l’unico centro delle relazioni sociali è la persona con i suoi diritti e soprattutto i suoi doveri.

In questa prospettiva si inserisce il convegno nazionale “A settant’anni da L’uomo e lo Stato di Jacques Maritain”, promosso dall’Istituto Internazionale Jacques Maritain di Roma, l’Istituto Maritain di Trieste e il Centro Studi e Ricerche di Pedagogia Sociale – Istituto Nazionale Jacques Maritain di Potenza, con il patrocinio del Dipartimento di Economia e Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università degli Studi di Trieste e del Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi della Basilicata.

Il convegno, organizzato in quattro sessioni, coinvolge studiosi ed esperti nazionali e internazionali in un confronto sulle questioni sollecitate da Jacques Maritain e pubblicate nel 1961 e oggi ancora di straordinaria attualità. Nella sessione inaugurale, giovedì 18 novembre alle ore 11 (on-line), dopo i saluti istituzionali, il presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, il prof. Michele Nicoletti dell’Università di Trento e il Presidente della Pontificia Accademia per le Scienze Sociali di Città del Vaticano, il prof. Stefano Zamagni, aprono i lavori con un dialogo sull’essenza del “vivere insieme” alla luce dell’opera maritainiana. La prima sessione, organizzata dall’Istituto Maritain di Trieste (on line, ore 14.30), approfondisce il tema: “Popolo e populismo, sovranità e sovranismi. Uno sguardo sull’oggi a partire da Jacques Maritain”. La seconda sessione, venerdì 19, ore 10 (on-line), condotta dal Dipartimento di Economia e Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale si concentra su “I Diritti dell’Uomo in Jacques Maritain”. Nella terza sessione, organizzata dal Centro Studi e Ricerche di Pedagogia Sociale – Istituto Internazionale Jacques Maritain e dal Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi della Basilicata, docenti ed esperti si confrontano sul tema “Educazione e politica in L’uomo e lo Stato” venerdì 19 novembre alle ore 15.30. La terza sessione del convegno si svolge in modalità blended: in presenza e in collegamento streaming.

Per le normative vigenti, la partecipazione in presenza alla terza sessione è consentita a un numero massimo di 90 persone munite di green pass. Gli interessati possono comunicare la propria presenza all’indirizzo email segreteria.cattedramaritain@gmail.com entro le ore 12 del 19 novembre. Sono invitati a partecipare al convegno, studenti, dottorandi, studiosi, ricercatori, professioni e interessati alle tematiche proposte. Si allega il programma del Convegno.

(Comunicato stampa a cura degli organizzatori)

 

Documenti