RIMANDATO il Workshop "Creative Learning"

+++ Si comunica che il workship Creative Learning in programma il 18 ottobre è stato rinviato a data da definire +++

 

Potenza, giovedì 18 ottobre 2018 - Campus Francioso, Aula Magna, ore 15.00

Il workshop dal titolo Creative Learning, organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane, intende porre l’enfasi sul ruolo cruciale della creatività nei processi di apprendimento delle lingue straniere, in particolare della lingua inglese.
L’obiettivo dell’iniziativa è di aggregare la comunità degli studenti e dei docenti intorno all’esplorazione di nuove prospettive critiche e metodi di lavoro che possano dare un significativo contributo nel campo dell’apprendimento/insegnamento delle lingue. Adottando un approccio interattivo, l’intervento mira ad illustrare materiali e attività che possano stimolare risposte creative da parte degli studenti e al tempo stesso favorire processi di apprendimento che siano creativi non solo in aula, ma anche nello studio autonomo. Il workshop è rivolto a giovani studiosi (assegnisti, dottori di ricerca, dottorandi), agli studenti di tutti i corsi di laurea del Dipartimento di Scienze Umane, agli studenti delle classi quinte delle scuole superiori di secondo grado della Basilicata, ai docenti e ai CEL del Centro Linguistico di Ateneo. Si ritiene che il tema affrontato, valorizzato dal suo forte del suo carattere pluridisciplinare, costituisca un terreno di studio e di formazione di grande interesse per una vasta platea. "La creatività, sia a livello di singolo individuo che di comunità - ha detto la ricercatrice del Disu, Luisa Caiazzo - rappresenta una delle principali caratteristiche che contraddistinguono il genere umano e che contribuiscono a renderlo unico rispetto all’intera specie animale. Tuttavia, nonostante i notevoli risultati raggiunti negli ultimi 60 nel campo della ricerca glottodidattica, la componente della creatività non ha ricevuto l’attenzione che è invece opportuno dedicare a un aspetto così vitale e determinante non solo nei processi di apprendimento, ma anche nella vita di ciascun individuo. In altre parole, se si pensa al materiale attualmente disponibile per l’apprendimento/insegnamento delle lingue, ci si rende conto che nella maggior parte dei casi, vengono proposti modelli da imitare piuttosto che opportunità di reagire a idee, interlocutori e situazioni in modo unico, quella unicità che è tipica di chi parla/ascolta/legge/scrive nella propria lingua madre. L’elemento centrale intorno al quale ruota questa iniziativa è appunto la creatività, una componente fondamentale, non opzionale, nelle dinamiche di apprendimento/insegnamento.

Biografia:
Roy Boardman, MBE (Member of the Order of the British Empire), è Creative Director del St. Peter’s English Language Center e Presidente dell’Associazione Boardman English. Per citare solo alcune delle attività che lo hanno visto impegnato come autorevole studioso della comunità britannica napoletana, italiana e internazionale, è stato per 20 anni Direttore Regionale del British Council per l’Italia meridionale, e ha insegnato per diversi anni presso il corso di laurea di Scienze Politiche dell’Università di Napoli ‘L’Orientale’.
Autore di numerosi testi per l’insegnamento dell’inglese, pregevole traduttore (anche in ambito filosofico, cfr. Posthuman: Consciousness and Pathic Engagement, a cura di M. Maldonato e P. A. Masullo), ha recentemente pubblicato il romanzo Honky Tonk (2017).

 

Documenti

Scarica "Locandina"