Come richiedere l’esonero/graduazione del contributo onnicomprensivo annuale


Per ottenere l’esonero dal pagamento del contributo onnicomprensivo annuale o la sua graduazione in relazione alle condizioni economiche dell’intero nucleo familiare di appartenenza, ovvero in relazione alle proprie condizioni economiche, se “Studente Indipendente” come definito dall’art. 5, comma 3, del D.P.C.M. 9 aprile 2001, lo studente immatricolato o iscritto ad anni successivi al primo:
 

  1. deve richiedere l’attestazione ISEE, compilando presso i soggetti preposti la DSU;
     
  2. entro il 30 settembre 2019 e, con mora, entro il 31 ottobre 2019 e il 31 dicembre 2019, dovrà rilasciare il “consenso” affinché l’Ateneo acquisisca direttamente dall’INPS il valore ISEE, accedendo ai Servizi online studenti, alla voce “Segreteria Rilascio consenso esonero/graduazione contributo onnicomprensivo annuale”.
     

Gli studenti che partecipano al bando ARDSU per l’attribuzione delle borse di studio, dovranno rilasciare il consenso entro la data di scadenza per la presentazione delle domande, ovvero entro il 31 agosto 2019.


Gli studenti che, entro le scadenze indicate al punto 2), non rilascino il consenso per l’acquisizione direttamente dall’INPS del valore ISEE, sono tenuti al pagamento del contributo onnicomprensivo annuale nella misura massima prevista, indicata nella Tabella D dell’art. 4 del Regolamento in materia di contribuzione studentesca, sia che si tratti di studenti in corso sia che si tratti di studenti fuori corso.



Gli studenti
che abbiano già effettuato l’immatricolazione/iscrizione entro le scadenze previste, senza aver rilasciato il “consenso” qualora intendano produrre l’attestazione ISEE oltre la scadenza ultima del 31 dicembre, potranno consegnarla in formato cartaceo, con il pagamento di una tassa di mora di euro 400,00, non oltre la scadenza del 28 febbraio 2020, purché si tratti dell' ISEE 2019.


Sono esclusi dalla possibilità di chiedere l'adeguamento del contributo onnicomprensivo annuale
gli studenti cui sia stata comminata una sanzione disciplinare superiore all’ammonizione; in tal caso, se il beneficio è stato già accordato, sarà revocato e l’interessato dovrà integrare il pagamento del contributo onnicomprensivo annuale nella misura dovuta.